Il Presidente inizia la serata ricordando la compianta socia Giovanna Sorbi, che ci lasciava il 12 febbraio 2018 e quest’anno avrebbe compiuto 60 anni. Per ricordarla il Rotary Club Brescia Nord ha istituito una borsa di studio di durata triennale per Valerio Scarano, il molto promettente violinista presentato da Giovanna al nostro Club l’anno scorso. Valerio riceverà una somma pari a 2000 Euro all’anno come contributo per i suoi studi musicali.

Il Presidente chiede a Valerio, stasera accompagnato dal padre maestro Alfonso Scarano, che violino usa ora visto che, ricordiamo, l’anno scorso era un 3/4.

Valerio ringrazia e presenta il suo strumento, un Santo Serafino del 1715 gentilmente concessogli in prestito biennale dalla fondazione Folonari, da gennaio 2018. Il violinista sottolinea che questo è il primo violino importante della sua carriera, ed è molto diverso dall’altro soprattutto per il suono.

Dopo avere ricevuto il contributo dalle mani del Presidente Valerio si prepara a suonare. Marco Degiovanni presenta il musicista, che suona tre brani. Il primo è il “Primo Movimento del Terzo concerto di Mozart” del 1775 epoca in cui Mozart aveva 19 anni ma era già esperto e cresciuto nell’estetica dello stile galante cui apparteneva all’epoca e cui appartiene questo brano. Il secondo brano è “Romanza di Beethoven opera 50 in fa maggiore” ed il terzo ed ultimo permette a Valerio di dare prova della propria destrezza. Conclude infatti con uno brano virtuosistico di Sinding “Suite opera 10 primo movimento” impressionando tutti con una performance da vero professionista.

Sono seguite alcune domande da parte dei nostri soci alle quali Valerio ha risposto in modo esaustivo.